Come scegliere un’agenzia di traduzione

In un precedente articolo abbiamo parlato del perché dovresti affidarti a un’agenzia di traduzione. I tuoi contenuti sono stati realizzati con cura e ci vuole altrettanta cura per renderli efficacemente in un’altra lingua.

Visto che questo settore è pieno di aziende e freelance tra cui scegliere, è legittimo essere confusi. Come puoi scegliere un’agenzia di traduzione adatta al tuo business? In questo articolo esamineremo le caratteristiche che dovrebbero avere i professionisti a cui affidare i tuoi contenuti!

 

Il primo step: agenzia o freelance?

Una domanda lecita che potresti farti è: perché scegliere un’agenzia di traduzione quando un freelance costa meno?
In effetti, probabilmente un professionista riesce a offrire tariffe più convenienti sul singolo lavoro di traduzione rispetto a un’agenzia. D’altra parte, un freelance tipicamente lavora ricevendo un contenuto e adattandolo nella lingua che conosce, senza offrire ulteriori servizi.

La maggior parte dei progetti di traduzione è più articolata di così. Ci sono molti testi da tradurre, magari in diverse lingue, con terminologie e concetti specifici che vanno esaminati prima di iniziare il lavoro. Un’agenzia ti offre non solo il servizio di traduzione ma anche il coordinamento dei professionisti, la gestione del progetto, l’organizzazione del materiale e la fase di revisione.

La complessità dei progetti digitali multicanale richiede meeting preliminari, traduzioni in più lingue e revisioni accurate in costante collaborazione con il cliente. Tutte queste attività sono il pane quotidiano delle agenzie di traduzione!

 

Valutare i servizi offerti

Come abbiamo appena detto, i progetti digitali sono complessi. Vanno presi in considerazione molti elementi: la lingua e il pubblico di arrivo, il tipo di contenuto, il supporto, il linguaggio tecnico del business, ecc..

Davanti a questa complessità, se un’agenzia ti fa soltanto un preventivo per la ricezione del contenuto e la sua traduzione, c’è qualcosa che non va. A meno che non si tratti di un lavoro particolarmente semplice, è necessario strutturare un progetto diviso in fasi ben definite.

Un’agenzia di traduzione efficiente mette a tua disposizione un project manager, che sarà il tuo punto di riferimento e il coordinatore dei traduttori. Questa figura esperta nell’organizzazione delle attività tiene i briefing preliminari per raccogliere le informazioni sul tuo business e la definizione dei glossari, riceve il materiale e ti affianca in ogni fase del lavoro.

Un altro servizio che non può mancare è la revisione. In Arkì ci piace sottolineare che questo aspetto del lavoro è un vero e proprio “servizio” perché crediamo che la revisione più efficace sia quella affidata a un proofreader diverso dal traduttore di partenza.

I contenuti adattati devono essere perfetti come quelli iniziali. Quindi non deve mancare la possibilità di raffinare il materiale grazie a un confronto tra il cliente e il team che l’ha tradotto!

 

Apprezzare la semplificazione

Un altro elemento da prendere in considerazione quando ti chiedi come scegliere un’agenzia di traduzione è valutare quanto i servizi offerti semplificano il tuo lavoro.

Immagina di dover tradurre in quattro lingue il tuo sito web realizzato in WordPress. Puoi ricevere un file Excel con tutti i testi tradotti, da caricare a mano frase per frase nei blocchi dell’editor; oppure puoi collaborare con un’agenzia abituata all’uso delle tecnologie nelle traduzioni, che si integra con i tuoi sistemi e ti permette di risparmiare tempo e fatica!

Oggi lavoriamo su siti web, piani editoriali per i social network, video, app mobile e molto altro. È necessario collaborare con partner in grado di rendere il lavoro più facile attraverso l’integrazione e la gestione semplificata del materiale.

 

Al termine di questo articolo, hai scoperto come scegliere un’agenzia di traduzione perfetta per il tuo business!

Vuoi tradurre i tuoi contenuti in un’altra lingua ma non sai come fare? Contattaci oggi per una consulenza gratuita!

No Comments

Post A Comment